SGRAVIO CONTRIBUTIVO PER MISURE DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO: AL VIA LE DOMANDE PER IL 2018!

A favore dei datori di lavoro privati, che inseriscono nei contratti collettivi aziendali misure innovative e migliorative di conciliazione tra vita professionale e privata dei propri lavoratori, è stato previsto uno sgravio contributivo finanziato da oltre 100 milioni di euro stanziati per il biennio 2017-2018.

La Circolare Inps n. 91 del 3 agosto 2018 illustra le modalità di richiesta e utilizzo dello sgravio nel 2018 relativo ai contratti aziendali sottoscritti e depositati dal 1 novembre 2017 al 31 agosto 2018, inoltre ricorda che ogni datore di lavoro può usufruire dello sgravio solamente una volta durante il suddetto biennio.

Ai fini dell’ammissione allo sgravio contributivo:

  • i datori, anche tramite intermediari abilitati, devono inoltrare telematicamente la domanda all’Inps, a decorrere dal 4 agosto 2018 e non oltre il 15 settembre 2018, avvalendosi del modulo di istanza on line “Conciliazione Vita-Lavoro 2018” all’interno dell’applicazione DiResCo del sito Inps;
  • ciascun datore di lavoro deve essere identificato dal codice fiscale e presentare la domanda su una sola delle posizioni contributive attive all’Inps;
  • la domanda deve contenere: i dati identificativi dell’azienda, la data di sottoscrizione del contratto aziendale, la data del suo deposito all’ITL competente, il codice deposito del contratto, le misure di conciliazione vita-lavoro dallo stesso previste, la dichiarazione di conformità del contratto aziendale alle disposizioni Decreto 12 settembre 2017 che ha istituito il suddetto sgravio;
  • l’ammissione al beneficio decorre dal 30° giorno successivo al termine ultimo per la trasmissione delle istanze (perciò a partire dal 16 ottobre 2018) e il datore sarà informato dell’esito della domanda e dell’importo dello sgravio in via telematica all’interno del modulo di istanza. La fruizione del beneficio è subordinata al possesso del Durc regolare, fermo restando gli altri obblighi di legge e il rispetto degli accordi e contratti collettivi.

Si ricorda infine che per le domande presentate nel 2018 e ammesse al beneficio con il codice di autorizzazione “6J”, il relativo conguaglio deve essere effettuato sulle denunce Uniemens di competenza novembre e dicembre 2018, su una o due mensilità. Qualora il saldo della denuncia risulti a credito, il relativo importo può essere posto in compensazione con il Mod. F24.